Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Posts Tagged ‘Copertina

Fotoit di ottobre 2013

leave a comment »

Qualche giorno fa, girovagando nel sito della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche), mi è caduto l’occhio sulla copertina della rivista Fotoit di ottobre e con sorpresa ci ho trovato il mio nome :)

Maggiori informazioni sulla mostra promossa in copertina sono qui: “Crediamo ai tuoi occhi 2013“.

Fotoit di ottobre 2013, mostra "In Oblivion" di Filippo Venturi

  • 04 Periscopio
  • 10 Autori Storici WANDA…PER RICORDARLA MEGLIO di Elena Falchi
  • 14 Portfolio italia NOVELLA OLIANA di Luigi Erba
  • 18 Intervista MIMMO JODICE di Attilio Lauria
  • 23 Leggere di Fotografia PENSARE AGLI ALTRI di Pippo Pappalardo
  • 24 Saggistica INSTAGRAM, NON SOLO FILTRI di Attilio Lauria
  • 28 Crediamo ai tuoi occhi LE VINCITRICI DELLA DECIMA EDIZIONE
  • 30 Visti per voi 55A ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE BIENNALE DI VENEZIA di Cinzia Busi Thompson
  • 35 Singolarmente fotografia
  • 38 Portfolio LORENZO ZOPPOLATO di Elena Falchi
  • 40 Circoli FIAF G.F. ACAR UNICREDIT CIRCOLO PERUGIA di Massimo Pinciroli
  • 42 Circoli FIAF FOTOCLUB ARTI VISIVE BFI di Massimo Pinciroli
  • 44 Lavori in corso TECNICHE FOTOGRAFICHE IN EVOLUZIONE di Romano Cicognani
  • 46 Rubriche

Copertina
Foto di Filippo Venturi
dall’opera “in oblivion” esposta al CIFA per la 10^ edizione di “Crediamo ai tuoi occhi”

___

Written by filippo

22 October 2013 at 7:54 am

2013: Odissea nello spiazzo

leave a comment »

Frei, 2013: Odissea nello spiazzo, foto 10

Frei, 2013: Odissea nello spiazzo

Fotografie realizzate per la copertina e il booklet dell’ultimo album di Frei, “2013: Odissea nello spiazzo”, in uscita il 14 gennaio 2013.

___

2013: Odissea nello spiazzo è il secondo disco di Frei, a solo un anno dall’esordio con “Sulle tracce della volpe”, ritorna con un lavoro completamente nuovo nei suoni, nelle scelte artistiche, di produzione e nella stesura dei brani. Privilegia il Pop come mezzo per tradurre storie e sensazioni in musica, ma lascia spazio a momenti di narrazione che riportano la canzone a respirare ciò che racconta, a volte con un impeto di voce graffiante, altre con il tono pacato e posato di chi osserva una storia mentre la sta raccontando.

Le canzoni sono nate separatamente l’una dall’altra, in diversi periodi dell’anno. Ma tutte legate o forse sottomesse, alla forte passione che ha rapito Frei in questi ultimi mesi per i misteri e le bellezze dell’universo, attraverso le fotografie e le decine di documentari che hanno occupato il suo tempo libero, e che in qualche modo si sono mescolate alla sua vita quotidiana, o più semplicemente sono diventate una fissazione maniacale.

___

Hanno collaborato alla realizzazione di “2013: ODISSEA NELLO SPIAZZO” l’insostituibile Dario Giovannini, curando, come nel disco precedente, gli arrangiamenti e registrando gran parte degli strumenti; Enzo Cimino, già da qualche mese alla batteria, punto di riferimento per il suono, si è occupato delle riprese, dell’editing, fino a portare i brani al missaggio, dove sono stati presi in cura da Andrea Rovacchi.

Inoltre hanno partecipato Fabio ‘Mocambo’ Tozzi (Jang Senato), che insieme ad Enzo Cimino hanno registrato e contribuito agli arrangiamenti delle batterie; Michele Barbagli anche lui già da qualche mese alla chitarra elettrica, ha dato l’ultimo tocco ai brani con colori di chitarre soliste e invettive sonore di rara efficacia. Infine Filippo Venturi, con le sue brillanti idee e soprattutto con un ottimo lavoro di fotografia e post-produzione che ha dato vita al booklet.

___

Frei sul disco: Quando ero un bambino guardavo film di fantascienza che raccontavano il 2000 come l’era in cui avremmo esplorato le cavità dei pianeti e i sentieri delle galassie. Lo spazio sembrava alla nostra prossima portata. Siamo nel 2013 e io, nello spazio, non ci sono ancora andato.

Continuo disperatamente a sognare di esplorare l’universo, guardo come un pervertito documentari e immagini fotografate dai telescopi, che tutte le volte mi lasciano a bocca aperta, e mi chiedo sempre se in qualche luogo, nelle profondità dell’universo, ci sia qualcuno che sta a bocca aperta come me.

Vivo così la mia odissea nello spiazzo di casa, sotto una volta celeste che fa il verso alla mia mediocrità, alla mia vita quotidiana, alle mie manie, e ogni volta che mi fermo a guardarla, per un attimo, resto senza parole.

___

www.freifreifrei.com

___