Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Workshop di Fotografia a Cesena

leave a comment »

Qualche foto della 2° lezione del mio Workshop di Fotografia a Cesena, su fotogiornalismo e fotografia documentaria, 4 serate in aula di teoria, etica e analisi di progetti fotografici, studiandone ogni fase e aspetto.
Grazie a Monty Banks Aula Didattica per il sostegno e l’organizzazione!

Trovate l’elenco dei miei workshop passati e futuri qui: www.filippoventuri.photography/workshops

Workshop di Fotografia

Workshop di Fotografia

Workshop di Fotografia

Workshop di Fotografia

 

Written by filippo

18 February 2020 at 10:04 am

Romagna Rugby – Perugia 60-13

leave a comment »

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Written by filippo

18 February 2020 at 9:20 am

Inaugurazione “Il Caso C.” di Alfredo Covino

leave a comment »

Inaugurazione "Il Caso C." di Alfredo Covino

Inaugurazione “Il Caso C.” di Alfredo Covino

Sabato 8 febbraio, presso Marmo. Libreria d’arte contemporanea di Forlì, dialogherò con il fotografo romano Alfredo Covino, in occasione dell’inaugurazione della mostra del suo progetto “Il Caso C.” :)

 

COMUNICATO UFFICIALE

Sabato 8 febbraio la Libreria Marmo di Forlì inaugura una nuova mostra, che si presenta come una novità nella programmazione espositiva finora proposta: “Il caso C.” progetto di Alfredo Covino, fotografo romano classe 1973, un’indagine visiva sulla storia realmente accaduta della misteriosa scomparsa di un uomo: Davide Cervia.

Davide Cervia era un ex sottoufficiale della Marina Militare Italiana, specializzato in guerre elettroniche e vincolato a segreto militare Nato, scomparso il 12 settembre 1990 a Velletri, in provincia di Roma. Il suo caso è tuttora avvolto nel mistero: c’è un testimone del suo presunto rapimento, ma le informazioni sono spesso state oscurate, la famiglia di Cervia è stata più volte minacciata e, ad oggi, non si conosce la verità, il movente preciso di un possibile rapimento, né se Davide Cervia sia ancora in vita. Alfredo Covino, il cui lavoro è apparso su L’Espresso, The Guardian, Le Monde – solo per citarne alcuni – propone al pubblico la sua visione sulla storia di Davide Cervia in cui alla presunta realtà, raccontata con il suo approccio investigativo-documentario, accosta visioni immaginarie; il caso, infatti, è raccontato dalla prospettiva di un personaggio fittizio che raccoglie documenti, indizi, depistaggi e suggestioni. In questo modo, Covino sottolinea l’assoluta complementarietà tra reale e fiction, non solo in questo progetto, ma in tutta la fotografia, e si allontana da una mera rappresentazione del reale che si crede propria della fotografia documentaria. “Il caso C.”, esposto per la prima volta e integralmente presso Officine Fotografiche a Roma e curato da Chiara Capodici, è composto da fotografie ma anche da documenti ufficiali, immagini d’archivio e illustrazioni. Il progetto non vuole, però, essere informativo tout court, non ha infatti come obiettivo quello di dare un’unica chiave di lettura di un accaduto dai contorni ancora molto sfumati, in cui si confondono fatti, opinioni e critiche. L’intento di Covino è principalmente evocativo: parla di assenza e di sospensione, di quei momenti di incertezza cognitiva ed empirica propri di un caso avvolto nel mistero, come questo di Davide Cervia. La mostra da Marmo parte da una selezione del progetto espositivo iniziale, altrimenti troppo voluminoso per essere ospitato dallo spazio della libreria; in occasione dell’inaugurazione della mostra, Alfredo Covino presenterà anche il dummy del libro relativo al progetto, finalista al Unseen Dummy Award 2019, e dialogherà con Filippo Venturi, fotografo documentarista che lavora e vive a Forlì.

 

Romagna Rugby – Civitavecchia Rugby 28-22

leave a comment »

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Rugby Photographer

Written by filippo

27 January 2020 at 8:43 am

L’Arte di Vincere, di Phil Knight

leave a comment »

L'Arte di Vincere, di Phil Knight

L’Arte di Vincere, di Phil Knight

Ieri notte, alle due, ho finito l’autobiografia di Phil Knight. Si tratta di un libro molto scorrevole che racconta come il fondatore della Nike sia passato dall’essere un ventenne curioso di vedere il mondo (in un’epoca dove si era mal visti nel viaggiare senza un motivo preciso, a partire da suo padre) e di realizzare il proprio sogno di vendere scarpe al diventare il fondatore del colosso che oggi tutti conosciamo.
Il libro narra i primi viaggi di Phil in Giappone, dove ancora riecheggiavano le due bombe nucleari e dove la differenza e diffidenza culturale creerà situazioni imbarazzanti e indecifrabili, col nostro eroe che ad un certo punto si troverà ad inventarsi il nome dell’azienda che ancora non ha creato per sottoscrivere un accordo preliminare con i giapponesi della Onitsuka, diventandone inaspettatamente il rivenditore per gli USA.
La narrazione prosegue raccontando l’evoluzione dell’azienda (con sullo sfondo il gigante Adidas), compreso il modo rocambolesco con cui sceglieranno il nome Nike ed il logo, e della vita personale dell’autore, mantenendo un tono informale, autoironico, trasmettendo al lettore il desiderio di dare il massimo nel proprio campo.
Sicuramente lodevole lo spazio dedicato ai suoi collaboratori, strambi e buffi, ma a cui riconosce la brillantezza e i meriti che hanno dimostrato nel proprio lavoro. Ne risente l’aspetto familiare, raccontato in modo discontinuo e superficiale, ma tutto sommato non ho sentito la necessità di un approfondimento.
La galoppata, iniziata negli anni ’60 e durata fino agli inizi degli anni ’80, si conclude con l’ultimo capitolo che compie un salto di 27 anni, siamo nel 2007, i ragazzi che hanno dato tutto per la Nike sono ormai anziani, il leggendario Bill Bowerman è morto, qualcuno ha “tradito” andando a lavorare per Adidas, altri si sono ritirati a vita privata e confesso che è stato un colpo basso pensare al tramonto di quel gruppo di giovani talenti.
Insomma un libro molto piacevole, interessante e stimolante, che consiglio.

“Alla mia sinistra c’era il Partenone, che Platone aveva visto costruire da squadre di architetti e muratori. Alla mia destra il tempio di Atena Nike. Duemilacinquecento anni prima, stando alla mia guida, avevo ospitato un bellissimo fregio della dea Atena, ritenuta portatrice di nike, la vittoria. […] Non so quanto tempo rimasi li, ad assorbire l’energia e il potere di quel luogo epocale. Un’ora? Tre? Non so quanto tempo dopo ho scoperto una commedia di Aristofane ambientata nel tempio di Nike, in cui il guerriero dona al re… un paio di scarpe nuove. Non so quando mi resi conto che il titolo inglese di quell’opera era Knights. So che quando mi girai per andarmene notai la facciata marmorea del tempio, che gli artigiani greci avevano decorato con varie scene ammalianti, compresa la più famosa, in cui la dea si china inspiegabilmente… a riallacciarsi un sandalo.”

 

Written by filippo

3 January 2020 at 11:13 pm