Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Posts Tagged ‘Parigi

Mostra “The State of the World” a Parigi

leave a comment »

Mostra "The State of the World" a Parigi

I miei lavori Korean Dream e Eyes Wide Shut saranno esposti nella Galleria Espace Beaurepaire di Parigi dall’11 Luglio 2018. In mostra ci sarà un gruppo di lavori fotografici selezionati da Hossein Farmani, fondatore di Px3 Paris Photography Prize.

 

La presentazione ufficiale:

“The State of the World”
Curated Exhibtion by Hossein Farmani

It is my pleasure to present a new PX3 annual event, “The State of the World” – stories specially selected from the entries to the Paris Photo Prize; global stories worth telling because they are eyewitness accounts as told through the lens of the photographer; stories both happy and sad, inspiring and shocking, gentle and brutal; stories to focus your eyes and mind on issues that are current and crucial in our world today.
We live in an era where we have faster access to information than any previous generation and limitless amounts of knowledge at our fingertips, and yet it is harder than ever for us to discover the truth.
We are connected to the Internet 24 hours a day but we are more disconnected than ever from our fellow-human beings and the really important issues that affect our world.
We are bombarded with an avalanche of opinion polls, fake news, and propaganda till it becomes almost impossible to distinguish fact from fiction and we forget what true story telling looks like.
Our goal is to bring you the uncensored news, directly from the photographers that witness events first-hand, with the guarantee that they are not manipulated by the mainstream media or sensationalized for profit.
We believe that as long as we remain committed to speaking the truth as we see it and supporting those who make it their passion and life’s work to tell and share their eyewitness information with the world, we can effect great change and ensure that truth will always have a clear voice.

 

Demigods in mostra a Parigi

with 2 comments

Demigods in mostra a Parigi

Il mio lavoro “Demigods”, premiato col 3° premio nella categoria Professionisti / Sport, nel concorso PX3 Prix de la Photographie Paris, è stato esposto nella Galleria Espace Beaurepaire di Parigi!

Di seguito il comunicato ufficiale:

PX3 Paris Photography Prize is proud to present you the exhibition of its 11th edition at the Espace Beaurepaire (Paris 75010), from Tuesday July 11th to Saturday July 15th.
The exhibition will gather more than 30 photographs from PX3 2017.
Isabelle Perrachi, ex-ballerina from the Paris Opéra, is the curator of a part of the Px3 exhibition which she has selctionned and organized according to her main area of interest : the movement.
Exhibition : Tuesday 11th to Sunday 15th of July from 11am until 7pm.
Opening-night : Tuesday 11th from 6pm until 9pm

 

Written by filippo

24 August 2017 at 10:33 am

Paris 2013 (part 2)

with 2 comments

Paris, photo 36

Paris, photo 36

Paris, photo 37

Paris, photo 37

Paris, photo 38

Paris, photo 38

Paris, photo 39

Paris, photo 39

Paris, photo 40

Paris, photo 40

Paris, photo 41

Paris, photo 41

Paris, photo 42

Paris, photo 42

Paris, photo 43

Paris, photo 43

Paris, photo 44

Paris, photo 44

Paris, photo 45

Paris, photo 45

Paris, photo 46

Paris, photo 46

Paris, photo 47

Paris, photo 47

Paris, photo 48

Paris, photo 48

Paris, photo 49

Paris, photo 49

Paris, photo 50

Paris, photo 50

Paris, photo 51

Paris, photo 51

Paris, photo 52

Paris, photo 52

Paris, photo 53

Paris, photo 53

Paris, photo 54

Paris, photo 54

Paris, photo 55

Paris, photo 55

Paris, photo 56

Paris, photo 56

Paris, photo 57

Paris, photo 57

Paris, photo 58

Paris, photo 58

Paris, photo 59

Paris, photo 59

Paris, photo 60

Paris, photo 60

Paris, photo 61

Paris, photo 61

Paris, photo 62

Paris, photo 62

Paris, photo 63

Paris, photo 63

Paris, photo 64

Paris, photo 64

Paris, photo 65

Paris, photo 65

Paris, photo 66

Paris, photo 66

Paris, photo 67

Paris, photo 67

Paris, photo 68

Paris, photo 68

Paris, photo 69

Paris, photo 69

Paris, photo 70

Paris, photo 70

Paris, photo 71

Paris, photo 71

Paris, photo 72

Paris, photo 72

Paris, photo 73

Paris, photo 73

Paris, photo 74

Paris, photo 74

Paris, photo 75

Paris, photo 75

Paris, photo 76

Paris, photo 76

Paris, photo 77

Paris, photo 77

Paris, photo 78

Paris, photo 78

Paris, photo 79

Paris, photo 79

Part 1 here.

___

Paris 2013 (part 1)

leave a comment »

Paris, photo 1

Paris, photo 1

Paris, photo 2

Paris, photo 2

Paris, photo 3

Paris, photo 3

Paris, photo 4

Paris, photo 4

Paris, photo 5

Paris, photo 5

Paris, photo 6

Paris, photo 6

Paris, photo 7

Paris, photo 7

Paris, photo 8

Paris, photo 8

Paris, photo 9

Paris, photo 9

Paris, photo 10

Paris, photo 10

Paris, photo 11

Paris, photo 11

Paris, photo 12

Paris, photo 12

Paris, photo 13

Paris, photo 13

Paris, photo 14

Paris, photo 14

Paris, photo 15

Paris, photo 15

Paris, photo 16

Paris, photo 16

Paris, photo 17

Paris, photo 17

Paris, photo 18

Paris, photo 18

Paris, photo 19

Paris, photo 19

Paris, photo 20

Paris, photo 20

Paris, photo 21

Paris, photo 21

Paris, photo 22

Paris, photo 22

Paris, photo 23

Paris, photo 23

Paris, photo 24

Paris, photo 24

Paris, photo 25

Paris, photo 25

Paris, photo 26

Paris, photo 26

Paris, photo 27

Paris, photo 27

Paris, photo 28

Paris, photo 28

Paris, photo 29

Paris, photo 29

Paris, photo 30

Paris, photo 30

Paris, photo 31

Paris, photo 31

Paris, photo 32

Paris, photo 32

Paris, photo 33

Paris, photo 33

Paris, photo 34

Paris, photo 34

Paris, photo 35

Paris, photo 35

Part 2 here.

___

Mostra di Edward Hopper a Parigi

leave a comment »

Mostra di Edward Hopper a Parigi

Mostra di Edward Hopper a Parigi

Edward Hopper al Grand Palais di Parigi
10 ottobre 2012 – 28 gennaio 2013

Una mostra organizzata dalla Réunion des Musées Nationaux – Grand Palais e dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid in collaborazione col Centre Pompidou.

Hopper? Una leggenda troppo spesso limitata alle immagini riconosciute dal pubblico più ampio. Basta il suo nome ad evocare notti tinte di verde, architetture distese al sole, luci fredde. Tutto parla di solitudine senza fine, di silenzio ed Edward Hopper (1882-1967) è diventato sinonimo di malinconia, di civiltà avvelenata, di tempo sospeso, di un ordinario dalle note bizzarre che ha l’America come sfondo e attraverso di essa parla di un’umana condizione deprivata delle passioni, della sua stessa carne. I dipinti di Hopper contengono la semplicità ingannevole dei miti unita all’evidenza dei fumetti. Condensano ipotesi e sogni ispirati alla “favolosa” America e in quanto espressione dei sentimenti più toccanti, o di puri costrutti mentali, hanno portato a interpretazioni contrastanti. L’artista è stato di volta in volta battezzato come romantico, realistico, simbolista, formalista a dimostrazione di una complessità ben superiore a quanto possa apparire allo sguardo più distratto.

La retrospettiva al Grand Palais sembra voler ripristinare un’immagine più sanguigna di Hopper e lo fa partendo dalle sperimentazioni di quel giovane che nel 1906 approda a Parigi per la prima volta in cerca di arte, ispirazione e di se stesso. La prima parte della mostra attraversa così gli anni della formazione (1900-1924) e confronta Hopper coi lavori dei suoi contemporanei francesi, mentre la seconda parte è dedicata all’arte della maturità, dai primi dipinti emblematici del suo stile personale (House by the Railroad House, 1924) alle sue ultime opere (Two Comedians, 1966).

LE INFLUENZE – Hopper entra nella bottega di Robert Henri alla New York School of Art nei primi anni del XX secolo. Personalità molto pittoresca, Henri nel 1908 sarà il fondatore della “Scuola della spazzatura” (Ashcan School), nome di per sé sufficiente a esprimere il realismo senza compromessi che legava i membri del sodalizio. Con questa influenza, il giovane Hopper approda a Parigi (nel 1906, nel 1909 e nel 1910), gira per gallerie e saloni avvicinandosi a molteplici influenze: Degas gli ispira prospettive, il principio poetico di una “drammatizzazione” del mondo. Da Albert Marquet prende i volumi mentre con Felix Vallotton, condivide un gusto leggero ispirato da Vermeer. Da Walter Sickert, acquisisce l’iconografia dei luoghi di divertimento, la pittura della “carne sanguinante”. Qui Hopper adotta lo stile degli impressionisti, una tecnica nata per di esprimere l’armonia e il piacere sensuale. Tornato negli Stati Uniti, l’artista s’immerge nel realismo di Bellows, di Sloan, della Scuola Ashcan con la quale condivide una visione distopica. Per guadagnarsi da vivere fa l’illustratore, ma il suo tempo arriverà solo nel 1924. L’anno rappresenta un punto di svolta nella vita e l’opera di Hopper. La mostra al Museo di Brooklyn degli acquerelli di Gloucester, e la sua presentazione alla galleria di Franck Rehn, gli portano quei riconoscimenti e quel successo commerciale che gli permetteranno di dedicarsi esclusivamente alla sua arte (fino ad allora aveva venduto un solo quadro, nel 1913). E può cominciare il lavoro di approfondimento dei suoi soggetti preferiti: le architetture dall’identità quasi “psicologica”, i personaggi solitari e come smarriti nelle profondità nel pensiero, il mondo dello spettacolo, le immagini della città moderna.

ETICHETTE? Per molti versi Hopper resterà sempre un mistero. L’apparente realismo della sua pittura e l’astratto processo mentale che richiede per la loro elaborazione, mandano in corto circuito la stessa critica d’arte.  Un bastione della tradizione americana realista, il Whitney Museum of Art regolarmente propone mostre d’arte dedicate al suo lavoro. Tuttavia la sua prima retrospettiva, lo consacrerà, nel 1933 in quel tempio del Formalismo che è il MoMA di New York il cui direttore Alfred Barr, scrive di un pittore che “in molti dei suoi dipinti perpetua composizioni interessanti da un punto di vista strettamente formale“. Le definizioni, insomma, faticano a trovarsi d’accordo, e così negli anni ’50 ecco etichettato Hopper come “metafisico” e “surrealista” mentre la rivista Reality lo collega con gli artisti del realismo americano per denunciare l’arte astratta che, secondo loro, strabocca da collezioni e musei. Pochi mesi dopo la morte il curatore della sezione americana alla Biennale di San Paolo, Pietro Seltz, organizza una mostra di Hopper, e ne collega l’opera alla generazione di artisti pop. Tutte buone queste etichette, tutte plausibili, nessuna precisa sino in fondo. La magia di Hopper è anche questa. Informazioni mostra: http://www.rmngp.fr (a.d)

___

Written by filippo

15 October 2012 at 8:19 am