Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Posts Tagged ‘2012

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD)

leave a comment »

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 1

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 1

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 2

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 2

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 3

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 3

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 4

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 4

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 5

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 5

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 6

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 6

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 7

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 7

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 8

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 8

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 9

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 9

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 10

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 10

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 11

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 11

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 12

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 12

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 13

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 13

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 14

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 14

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 15

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 15

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 16

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 16

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 17

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 17

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 18

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 18

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 19

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 19

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 20

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 20

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 21

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 21

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 22

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 22

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 23

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 23

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 24

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 24

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 25

Matteo Renzi a Ravenna (Primarie PD), foto 25

Written by filippo

23 November 2012 at 10:18 pm

Nichi Vendola a Cesena (Primarie PD)

leave a comment »

Nichi Vendola a Cesena, foto 1

Nichi Vendola a Cesena, foto 1

Nichi Vendola a Cesena, foto 2

Nichi Vendola a Cesena, foto 2

Nichi Vendola a Cesena, foto 3

Nichi Vendola a Cesena, foto 3

Nichi Vendola a Cesena, foto 4

Nichi Vendola a Cesena, foto 4

Nichi Vendola a Cesena, foto 5

Nichi Vendola a Cesena, foto 5

Nichi Vendola a Cesena, foto 6

Nichi Vendola a Cesena, foto 6

Nichi Vendola a Cesena, foto 7

Nichi Vendola a Cesena, foto 7

Nichi Vendola a Cesena, foto 8

Nichi Vendola a Cesena, foto 8

Nichi Vendola a Cesena, foto 9

Nichi Vendola a Cesena, foto 9

Nichi Vendola a Cesena, foto 10

Nichi Vendola a Cesena, foto 10

Nichi Vendola a Cesena, foto 11

Nichi Vendola a Cesena, foto 11

Nichi Vendola a Cesena, foto 12

Nichi Vendola a Cesena, foto 12

Nichi Vendola a Cesena, foto 13

Nichi Vendola a Cesena, foto 13

Nichi Vendola a Cesena, foto 14

Nichi Vendola a Cesena, foto 14

Nichi Vendola a Cesena, foto 15

Nichi Vendola a Cesena, foto 15

Nichi Vendola a Cesena, foto 16

Nichi Vendola a Cesena, foto 16

Nichi Vendola a Cesena, foto 17

Nichi Vendola a Cesena, foto 17

Nichi Vendola a Cesena, foto 18

Nichi Vendola a Cesena, foto 18

Nichi Vendola a Cesena, foto 19

Nichi Vendola a Cesena, foto 19

Nichi Vendola a Cesena, foto 20

Nichi Vendola a Cesena, foto 20

Nichi Vendola a Cesena, foto 21

Nichi Vendola a Cesena, foto 21

Nichi Vendola a Cesena, foto 22

Nichi Vendola a Cesena, foto 22

Nichi Vendola a Cesena, foto 23

Nichi Vendola a Cesena, foto 23

Nichi Vendola a Cesena, foto 24

Nichi Vendola a Cesena, foto 24

Nichi Vendola a Cesena, foto 25

Nichi Vendola a Cesena, foto 25

Nichi Vendola a Cesena, foto 26

Nichi Vendola a Cesena, foto 26

Nichi Vendola a Cesena, foto 27

Nichi Vendola a Cesena, foto 27

Nichi Vendola a Cesena, foto 28

Nichi Vendola a Cesena, foto 28

Nichi Vendola a Cesena, foto 29

Nichi Vendola a Cesena, foto 29

Written by filippo

18 November 2012 at 2:22 pm

Romagna Rugby VS Rugby Brescia 37-41

leave a comment »

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 1

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 1

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 2

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 2

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 3

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 3

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 4

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 4

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 5

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 5

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 6

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 6

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 7

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 7

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 8

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 8

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 9

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 9

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 10

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 10

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 11

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 11

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 12

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 12

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 13

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 13

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 14

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 14

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 15

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 15

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 16

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 16

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 17

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 17

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 18

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 18

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 19

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 19

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 20

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 20

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 21

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 21

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 22

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 22

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 23

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 23

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 24

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 24

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 25

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 25

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 26

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 26

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 27

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 27

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 28

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 28

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 29

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 29

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 30

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 30

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 31

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 31

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 32

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 32

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 33

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 33

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 34

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 34

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 35

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 35

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 36

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 36

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 37

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 37

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 38

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 38

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 39

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 39

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 40

Romagna Rugby VS Rugby Brescia, foto 40

___

Written by filippo

15 October 2012 at 9:27 pm

Mostra William Klein + Daido Moriyama a Londra

leave a comment »

Mostra William Klein + Daido Moriyama a Londra

Mostra William Klein + Daido Moriyama a Londra

William Klein + Daido Moriyama alla Tate Modern di Londra
10 Ottobre 2012 – 20 Gennaio 2013

La mostra esplora la relazione tra i percorsi artistici di due dei più acclamati fotografi viventi attivi dal dopoguerra. Due retrospettive corpo a corpo, che esaminano la carriera dei due artisti nella varietà di tecniche e mezzi utilizzati, nell’innovazione stilistica e nella comune esigenza che li lega nonostante i differenti esiti.

Una mostra che, a partire dalla pianificazione spaziale, crea affinità su vari livelli. Sul piano visivo li accomuna uno stile fotografico urgente, sfuocato, sporco, con immagini sovra-esposte e fuori fuoco, che testimoniano un condiviso rifiuto della pretesa di oggettività del mezzo fotografico. Sul piano del contesto operativo, interamente concentrato sulla realtà urbana, e in particolare sulle strade di New York e Tokyo, osservatorio privilegiato di entrambi gli artisti, dove l’attenzione è catturata da scorci, dettagli, folle, cartelloni pubblicitari, cortei. E, non meno importante, sul piano dell’esposizione – sia Klein che Moriyama, privilegiano il libro fotografico come canale divulgativo, che permette un perfezionamento del processo creativo attraverso l’editing e il design grafico. Da qui il libro fotografico Life is Good and Good for You in New York: Trance Witness Revels dove Klein presenta la sua visione di Manatthan in stile tabloid o il lavoro di Moriyama all’interno della rivista Provoke, pubblicazione sovversiva di una piccola realtà di fotografi giapponesi. Accanto ai percorsi paralleli, emerge anche la differenza dell’approccio e dei risultati raggiunti di entrambi gli artisti.

William Klein, nato a New York nel 1928, ha una visione più rumorosa, frenetica, esagitata – un forte dinamismo compositivo accomuna i suoi scatti dove i soggetti sono spesso protagonisti attivi delle foto. Spazia attraverso generi e tecniche, è a suo agio sia a scattare immagini di moda per Vogue commissionate da Alexander Lieberman, come pure nei panni di documentarista delle proteste studentesche del ’68 a Parigi. Come pittore, agli esordi della sua carriera, ottiene ottimi risultati anche al cinema con film come Who Are You, Polly Maggoo?, una satira sull’industria della moda. Il suo approccio alla fotografia è carnale, celebrativo.

Daido Moriyama, nato a Osaka nel 1938, ossessionato dalla vita urbana, rappresenta città più solitarie e sinistre, che sintetizza in immagini dalla forte semplicità grafica. Più distante dai suoi soggetti, elabora fotograficamente il tema della memoria, come la serie Tales of Noto basata sulla reinterpretazione di una storia letta da bambino ambientata nel paesino di Noto, o Record, un progetto di fotogiornalismo autobiografico sulla sua esistenza urbana. Il suo approccio più solitario, tendente all’astratto è particolarmente accessibile nella serie Memories of a Dog dove l’intimo ritratto di un cane randagio, solo e sulla strada, lascia spazio all’identificazione del fotografo e del pubblico.

Non è dunque nella similarità di stile o di contesto operativo che si vuole paragonare questi artisti. Come non lo è nella differenza dei loro approcci e dei risultati raggiunti. E’ piuttosto l’esigenza di continuare a calarsi nella realtà dell’esperienza urbana, sia essa in America o in Giappone, sia essa coinvolgente o alienante, a creare un dissolubile connubio nel lavoro di questi pionieri della loro generazione.

Fonte: vogue.it

___

Written by filippo

15 October 2012 at 9:04 am

Mostra di Edward Hopper a Parigi

leave a comment »

Mostra di Edward Hopper a Parigi

Mostra di Edward Hopper a Parigi

Edward Hopper al Grand Palais di Parigi
10 ottobre 2012 – 28 gennaio 2013

Una mostra organizzata dalla Réunion des Musées Nationaux – Grand Palais e dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid in collaborazione col Centre Pompidou.

Hopper? Una leggenda troppo spesso limitata alle immagini riconosciute dal pubblico più ampio. Basta il suo nome ad evocare notti tinte di verde, architetture distese al sole, luci fredde. Tutto parla di solitudine senza fine, di silenzio ed Edward Hopper (1882-1967) è diventato sinonimo di malinconia, di civiltà avvelenata, di tempo sospeso, di un ordinario dalle note bizzarre che ha l’America come sfondo e attraverso di essa parla di un’umana condizione deprivata delle passioni, della sua stessa carne. I dipinti di Hopper contengono la semplicità ingannevole dei miti unita all’evidenza dei fumetti. Condensano ipotesi e sogni ispirati alla “favolosa” America e in quanto espressione dei sentimenti più toccanti, o di puri costrutti mentali, hanno portato a interpretazioni contrastanti. L’artista è stato di volta in volta battezzato come romantico, realistico, simbolista, formalista a dimostrazione di una complessità ben superiore a quanto possa apparire allo sguardo più distratto.

La retrospettiva al Grand Palais sembra voler ripristinare un’immagine più sanguigna di Hopper e lo fa partendo dalle sperimentazioni di quel giovane che nel 1906 approda a Parigi per la prima volta in cerca di arte, ispirazione e di se stesso. La prima parte della mostra attraversa così gli anni della formazione (1900-1924) e confronta Hopper coi lavori dei suoi contemporanei francesi, mentre la seconda parte è dedicata all’arte della maturità, dai primi dipinti emblematici del suo stile personale (House by the Railroad House, 1924) alle sue ultime opere (Two Comedians, 1966).

LE INFLUENZE – Hopper entra nella bottega di Robert Henri alla New York School of Art nei primi anni del XX secolo. Personalità molto pittoresca, Henri nel 1908 sarà il fondatore della “Scuola della spazzatura” (Ashcan School), nome di per sé sufficiente a esprimere il realismo senza compromessi che legava i membri del sodalizio. Con questa influenza, il giovane Hopper approda a Parigi (nel 1906, nel 1909 e nel 1910), gira per gallerie e saloni avvicinandosi a molteplici influenze: Degas gli ispira prospettive, il principio poetico di una “drammatizzazione” del mondo. Da Albert Marquet prende i volumi mentre con Felix Vallotton, condivide un gusto leggero ispirato da Vermeer. Da Walter Sickert, acquisisce l’iconografia dei luoghi di divertimento, la pittura della “carne sanguinante”. Qui Hopper adotta lo stile degli impressionisti, una tecnica nata per di esprimere l’armonia e il piacere sensuale. Tornato negli Stati Uniti, l’artista s’immerge nel realismo di Bellows, di Sloan, della Scuola Ashcan con la quale condivide una visione distopica. Per guadagnarsi da vivere fa l’illustratore, ma il suo tempo arriverà solo nel 1924. L’anno rappresenta un punto di svolta nella vita e l’opera di Hopper. La mostra al Museo di Brooklyn degli acquerelli di Gloucester, e la sua presentazione alla galleria di Franck Rehn, gli portano quei riconoscimenti e quel successo commerciale che gli permetteranno di dedicarsi esclusivamente alla sua arte (fino ad allora aveva venduto un solo quadro, nel 1913). E può cominciare il lavoro di approfondimento dei suoi soggetti preferiti: le architetture dall’identità quasi “psicologica”, i personaggi solitari e come smarriti nelle profondità nel pensiero, il mondo dello spettacolo, le immagini della città moderna.

ETICHETTE? Per molti versi Hopper resterà sempre un mistero. L’apparente realismo della sua pittura e l’astratto processo mentale che richiede per la loro elaborazione, mandano in corto circuito la stessa critica d’arte.  Un bastione della tradizione americana realista, il Whitney Museum of Art regolarmente propone mostre d’arte dedicate al suo lavoro. Tuttavia la sua prima retrospettiva, lo consacrerà, nel 1933 in quel tempio del Formalismo che è il MoMA di New York il cui direttore Alfred Barr, scrive di un pittore che “in molti dei suoi dipinti perpetua composizioni interessanti da un punto di vista strettamente formale“. Le definizioni, insomma, faticano a trovarsi d’accordo, e così negli anni ’50 ecco etichettato Hopper come “metafisico” e “surrealista” mentre la rivista Reality lo collega con gli artisti del realismo americano per denunciare l’arte astratta che, secondo loro, strabocca da collezioni e musei. Pochi mesi dopo la morte il curatore della sezione americana alla Biennale di San Paolo, Pietro Seltz, organizza una mostra di Hopper, e ne collega l’opera alla generazione di artisti pop. Tutte buone queste etichette, tutte plausibili, nessuna precisa sino in fondo. La magia di Hopper è anche questa. Informazioni mostra: http://www.rmngp.fr (a.d)

___

Written by filippo

15 October 2012 at 8:19 am