Filippo Venturi Photography | Blog

Portrait and Documentary Photographer

Posts Tagged ‘Roma

La Corea a “Più Libri Più Liberi”

leave a comment »

La Corea a Più Libri Più Liberi

Domenica 9 dicembre, alle ore 18.30 nella Sala Nettuno, alla Fiera Più Libri Più Liberi, presenterò il mio libro sulla penisola coreana, contenente i lavori fotografici Made in Korea e Korean Dream.

Il mio editore, emuse, sarà presente allo Stand L12, presso La Nuvola (Viale Asia n. 40 – Roma).

COMUNICATO UFFICIALE:

Il futuro lungo il 38° parallelo: le due Coree tra sviluppo e propaganda
Domenica 9 dicembre dalle ore 18.30 presso la sala Nettuno
Corea del Nord e Corea del Sud sono alle prese con la stessa affannosa ricerca, nel tentativo di esibire la propria eccellenza al mondo, sia dal punto di vista sociale che tecnologico, esercitando una enorme pressione sui giovani, a cui è affidato il compito fondamentale di condurre il Paese, a Sud, verso la modernità e lo sviluppo economico, a Nord, verso un riscatto politico agito anche attraverso la minaccia atomica.
Filippo Venturi, fotoreporter, e Junko Terao, editor di «Internazionale», ci aiutano a capire lo sviluppo controverso di questi due Paesi alla ribalta della cronaca.

Più libri più liberi è la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria che si svolgerà a Roma dal 5 al 9 dicembre 2018. Fiera dedicata esclusivamente all’editoria indipendente, dedica, all’interno del nuovo centro congressi della capitale, La Nuvola, cinque giorni e oltre 600 eventi in cui incontrare gli autori, assistere a reading e performance musicali e ascoltare dibattiti sulle tematiche di settore.

Written by filippo

4 December 2018 at 8:23 am

Presentazione di Made in Korea a Roma

leave a comment »

Presentazione di Made in Korea a Roma

 

Sabato 7 gennaio presenterò a Roma il mio lavoro Made in Korea, selezionato nell’ambito di Emerging Talents!
E’ stato creato anche l’Evento Facebook; di seguito il comunicato ufficiale:

 

PhotoTales presenta: Proiezione dei lavori e incontro con i fotografi Carmen Colombo e Filippo Venturi, due degli autori selezionati per Emerging Talents 2016.

Sabato 7 gennaio 2017, ore 18.00
Incontro con Carmen Colombo e Filippo Venturi

presso l’Associazione Culturale PhotoTales
Via Amedeo VIII, 1 – Roma (San Giovanni, Metro A uscita Manzoni o San Giovanni)
Raccomandata la puntualità e la prenotazione per poter partecipare all’aperitivo.
Per info e prenotazioni: info@emergingtalents.it
Ingresso con sottoscrizione libera

Coordinano l’incontro Arianna Catania e Sarah Carlet, fondatrici di Emerging Talents, progetto espositivo dedicato alla fotografia emergente e ancora visitabile presso il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma di Via Nizza fino all’8 gennaio.

 

PhotoTales è un progetto dedicato alla realizzazione, promozione e diffusione di racconti per immagini, di progetti fotografici e multimediali, con un ampio sguardo sulla cultura fotografica contemporanea. L’intento è quello di supportare gli autori nella realizzazione di editing, di racconti per immagini sia fotografici che multimediali, al fine di costruire un prodotto che abbia una coerenza stilistica e formale e di diffondere i progetti stessi a livello nazionale ed internazionale attraverso premi, festival, esposizioni, grazie anche al coinvolgimento di professionisti ed esperti del mondo della fotografia. PhotoTales è ideato e curato da Sarah Carlet e Arianna Catania.

 

Written by filippo

4 January 2017 at 10:15 pm

Emerging Talents 2016

leave a comment »

Emerging Talents 2016
Sono stati annunciati i selezionati della Call for an exhibition + Screening – Emerging Talents 2016!

“Contemporary City” era il tema di questa edizione: Nell’era digitale in cui crollano i confini, le città si aprono al mondo, diventano globali e assumono sempre più l’aspetto di metropoli interconnesse. In esse si sovrappongono culture e tradizioni, nascono nuovi spazi e identità: quali immagini, visioni, storie e prospettive porta in sè la città contemporanea? In che modo la fotografia può suggerire nuove letture di mondi in inesauribile trasformazione?

EXHIBITION
Charles-Henry Bédué – L’Habit Fait Le Moine

SCREENING
Martina Cirese – Asankojo
Carmen Colombo – Al di qua delle montagne
Peter Franck – Back to the future
Lawrence Sumulong – Bottleneck
Filippo Venturi – Made in Korea

 

Dal 06/12/2016 al 08/01/2017
Mostra + Proiezioni Emerging Talents 2016

MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma, Via Nizza, 138 – Roma

L’inaugurazione della mostra e delle proiezioni si terrà il 6 dicembre 2016, alle ore 18.00, al MACRO di Roma.
I lavori saranno in mostra fino all’8 gennaio 2017.

Emerging Talents è un progetto espositivo ideato e curato da Sarah Carlet e Arianna Catania, fondatrici di PhotoTales, associazione culturale dedicata all’educazione dell’immagine e alla diffusione e promozione di progetti fotografici.

 

Nell’ambito di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, il 6 dicembre al MACRO si terrà l’inaugurazione delle mostre di Jon Rafman, Kate Steciw e Letha Wilson, di Emerging Talents (con Charles-Henry Bédué, Martina Cirese, Carmen Colombo, Peter Franck, Lawrence Sumulong, Filippo Venturi), della Open Call del Festival e del nuovo allestimento del Premio Graziadei con il vincitore della quinta edizione, Alessandro Calabrese, insieme a una selezione dei lavori dei vincitori delle passate edizioni: Andrea Botto, Francesco Neri, Luca Nostri, Pietro Paolini e The Cool Couple.

Museo d’Arte Contemporanea di Roma (Foto © Inexhibit, 2015)

Museo d’Arte Contemporanea di Roma (Foto © Inexhibit, 2015)

 

Written by filippo

26 November 2016 at 8:29 am

David LaChapelle. Dopo il Diluvio

leave a comment »

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

David LaChapelle. Dopo il Diluvio – Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio
30 aprile – 13 settembre 2015
Palazzo delle Esposizioni – Roma
Curatore Gianni Mercurio

Coproduzione: Azienda Speciale Palaexpo, Madeinart, David LaChapelle Studio
Foto: Museum, 2007, Chromogenic Print © David LaChapelle

___

Al Palazzo delle Esposizioni torna dopo oltre quindici anni il grande artista fotografo americano David LaChapelle con una delle più importanti e vaste retrospettive a lui dedicate. Sono infatti esposte circa 100 opere di cui alcune totalmente inedite, altre presentate per la prima volta in un museo e  molte di grande formato.

Roma è stata una città fondamentale nella carriera artistica di LaChapelle. Nel 2006 infatti, durante un soggiorno nella Capitale, David LaChapelle ha occasione di visitare privatamente la Cappella Sistina; la sua sensibilità artistica è scossa dalla bellezza e dalla potenza dell’arte romana che danno il definitivo impulso alla necessità di imprimere una svolta alla sua produzione. Fino ad allora LaChapelle ha preferito che le sue foto viaggiassero sulle pagine di riviste di moda e di cataloghi senza testi.

L’obiettivo non è mai stato fermarsi alla mera illustrazione, ma raggiungere un pubblico quanto più vasto possibile – è questo il suo modo di essere un artista pop – e portare la lettura dell’opera sul piano dello shock emotivo.

LaChapelle ha spinto la sua estetica fino al limite, ma nel 2006 se n’è andato di scena. Ha voltato le spalle alla mondanità per ritirarsi a vivere in un’isola selvaggia, nel mezzo del Pacifico: “Avevo detto quello che volevo dire”.

La mostra è concentrata perciò sui lavori realizzati dall’artista a partire dal 2006, anno di produzione della monumentale serie intitolata “The Deluge”, che segna un punto di svolta profonda nel lavoro di David LaChapelle. Con la realizzazione di “The Deluge”, ispirato al grande affresco michelangiolesco della Cappella Sistina, LaChapelle torna a concepire un lavoro con l’unico scopo di esporlo in una galleria d’arte o in un museo, opere non commissionate e non destinate alle pagine di una rivista di moda o a una campagna pubblicitaria.

Dopo The Deluge, la produzione del fotografo americano si volge verso altre direzioni estetiche e concettuali. Il segnale più evidente del cambiamento è la scomparsa dai lavori seriali della presenza umana: i modelli viventi che in tutti i lavori precedenti (unica eccezione è The Electric Chair del 2001, personale interpretazione del celebre lavoro di Andy Warhol) hanno avuto una parte centrale nella composizione del set e nel messaggio incarnato dall’immagine, spariscono. Le serie Car Crash, Negative Currencies, Hearth Laughs in Flowers, Gas Stations, Land Scape, fino alla più recente Aristocracy, seguono questa nuova scelta formale: LaChapelle cancella clamorosamente la carne, elemento caratterizzante della sua arte.

Per permettere al pubblico di conoscere le “origini” del lavoro di LaChapelle degli anni precedenti a The Deluge, è esposta anche una selezione di opere che comprende ritratti di celebrità del mondo della musica, della moda e del cinema, scene con tocchi surrealisti basati su temi religiosi, citazioni di grandi opere della storia dell’arte e del cinema; una produzione segnata dalla saturazione cromatica e dal movimento, con cui il fotografo americano ha raggiunto la propria riconoscibile cifra estetica e ha influenzato molti artisti delle generazioni successive.

Le opere di David LaChapelle sono presenti in numerose importanti collezioni pubbliche e private internazionali, e esposte in vari musei, tra i quali il Musée D’Orsay, Paris; the Brooklyn Museum, New York; the Museum of Contemporary Art, Taipei; the Tel Aviv Museum of Art; the Los Angeles County Museum of Art (LACMA); The National Portrait Gallery, London; and the Fotographfiska Museet, Stockholm, Sweden. The National Portrait Gallery in Washington, DC.

L’esposizione ospita anche una rassegna di filmati che attraverso i back stage dei suoi set fotografici, ci illustrano il complesso processo di realizzazione e produzione dei suoi lavori.

___

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

 

David LaChapelle. Dopo il Diluvio - Palazzo delle Esposizioni, Roma

___

Fonte: palazzoesposizioni.it

Written by filippo

11 June 2015 at 6:16 am

Stadio di Cesena

leave a comment »

Stadio di Cesena, 22/03/2015, Cesena vs Roma 0-1

Una sera allo stadio, con una compattina, dopo quasi 10 anni di assenza.
Credo di essere a posto per un’altra decade.

___

Written by filippo

16 April 2015 at 9:15 pm