Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Wim Wenders: America, Mostra fotografica

leave a comment »

Wim Wenders

Wim Wenders

___

WIM WENDERS. AMERICA
16 gennaio – 29 marzo 2015

Organizzata da FAI – Fondo Ambiente Italiano
A cura di Anna Bernardini
Villa e Collezione Panza – Varese

___

“I paesaggi danno forma alle nostre vite, formano il nostro carattere, definiscono la nostra condizione umana e se sei attento acuisci la tua sensibilità nei loro confronti, scopri che hanno storie da raccontare e che sono molto più che semplici luoghi.”

Così Wim Wenders descrive il suo approccio attraverso l’utilizzo di una macchina fotografica che riproduce visioni capaci di scardinare la consueta percezione del paesaggio regalando l’essenza del luogo. Un’assoluta ricchezza visiva che si ritrova nelle 34 fotografie realizzate negli Stati Uniti tra la fine degli anni Settanta e il 2003 in mostra dal 16 gennaio al 29 marzo a Villa e Collezione Panza, splendida dimora del FAI nel cuore di Varese che inaugura così una programmazione attenta al panorama attuale del mondo della fotografia.

Uno sguardo europeo sull’America
“Wim Wenders. America”, mostra a cura di Anna Bernardini, Direttore di Villa e Collezione Panza, racconta lo sguardo acuto e profondo del noto regista e fotografo tedesco, teso alla contemplazione dell’immensità della natura e alla potenza della luce. Ambienti, paesaggi, architetture, strade: è l’occhio europeo che incontra, sente, vede e registra la cultura americana. Così come Giuseppe Panza di Biumo, a partire dagli anni Cinquanta, ha visitato, percepito e compreso lo spirito americano attraverso l’arte realizzando la sua collezione.

Le opere
L’allestimento segue un percorso alla scoperta della personale lettura dell’America di Wim Wenders. L’intera mostra è un omaggio all’amico Dennis Hopper (1936-2010) e a Edward Hopper (1882-1967), suo riferimento artistico. Il negozio vuoto di Las Vegas in Entire Family, il Drive – in a Marfa, il supermarket di Safeway in Texas, l’architettura avveniristica del palazzo di Houston in Entrance, e tanti altri scatti cercano di immortalare un’umanità transitata altrove, sottraendola allo scorrere del tempo; mentre in Cowboy Bar, esposto per la prima volta, in Western World Development e in Near Four Corners, risulta evidente la funzione letteraria e narrativa dell’immagine. Il percorso si conclude nelle Scuderie di Villa Panza con l’opera in cinque ‘atti’ New York, November 8, 2001 dedicata a Ground Zero: una preghiera forte e commovente che conduce lo spettatore alla riflessione sulla violenza e sul dramma collettivo.

___

Wim Wenders, photo 1

Wim Wenders, photo 1

Wim Wenders, photo 2

Wim Wenders, photo 2

Wim Wenders, photo 3

Wim Wenders, photo 3

Wim Wenders, photo 4

Wim Wenders, photo 4

Wim Wenders, photo 5

Wim Wenders, photo 5

Wim Wenders, photo 6

Wim Wenders, photo 6

Wim Wenders, photo 7

Wim Wenders, photo 7

Wim Wenders, photo 8

Wim Wenders, photo 8

Wim Wenders, photo 9

Wim Wenders, photo 9

Wim Wenders, photo 10

Wim Wenders, photo 10

Wim Wenders, photo 11

Wim Wenders, photo 11

Wim Wenders, photo 12

Wim Wenders, photo 12

___

Written by filippo

4 February 2015 at 10:29 pm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s