Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Nardò, l’adolescente

with one comment

Nardò, l'adolescente (foto 1)

Nardò, l'adolescente (foto 1)

Nardò, l'adolescente (foto 2)

Nardò, l'adolescente (foto 2)

Nardò, l'adolescente (foto 3)

Nardò, l'adolescente (foto 3)

Nardò, l'adolescente (foto 4)

Nardò, l'adolescente (foto 4)

Nardò, l'adolescente (foto 5)

Nardò, l'adolescente (foto 5)

Nardò, l'adolescente (foto 6)

Nardò, l'adolescente (foto 6)

Nardò, l'adolescente (foto 7)

Nardò, l'adolescente (foto 7)

Nardò, l'adolescente (foto 8)

Nardò, l'adolescente (foto 8)

Nardò, l'adolescente (foto 9)

Nardò, l'adolescente (foto 9)

Nardò, l'adolescente (foto 10)

Nardò, l'adolescente (foto 10)

Nardò, l'adolescente (foto 11)

Nardò, l'adolescente (foto 11)

Nardò, l'adolescente (foto 12)

Nardò, l'adolescente (foto 12)

Nardò, l'adolescente (foto 13)

Nardò, l'adolescente (foto 13)

Quando ieri mi hanno detto che il garzone della tabaccheria si era suicidato ho avuto un’impressione di menzogna. Poveretto, anche lui esisteva! Ce ne eravamo dimenticati tutti, tutti noi che lo conoscevamo allo stesso modo di coloro che non l’hanno conosciuto.
Domani lo dimenticheremo meglio. Ma che egli avesse un’anima, questo è certo: era indispensabile per uccidersi. Passioni? Angosce? Senza dubbio…
Ma per me, come per tutti gli altri, resta solo il ricordo di un sorriso stolto sopra una giacca di fustagno, sporca e con le spalle disuguali. E’ quanto resta a me di chi ha sentito cosi’ intensamente da uccidersi perchè sentiva; perchè, in fin dei conti, nessuno si uccide per nient’altro…
Una volta, mentre mi vendeva le sigarette, ho pensato che sarebbe diventato calvo.
Non ha avuto tempo di diventarlo.
Quale altro ricordo mi sarebbe potuto restare visto che questo non appartiene a lui, ma a un mio pensiero?
E all’improvviso vedo il cadavere, la bara in cui è stato messo, la fossa, totalmente estranea, nella quale è stato probabilmente portato. E mi accorgo, sempre all’improvviso, che il commesso della tabaccheria era, in certo qual modo, con la sua giacca sbilenca e tutto il resto, l’intera umanità.
E’ stato solo un momento. Oggi, ora, chiaramente, come l’uomo che io sono, egli è morto. Nient’altro. […]
Oggi nella fossa comune è stato sepolto il garzone della tabaccheria. Non è per lui il tramonto di oggi.

– Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine

Written by filippo

9 September 2011 at 2:28 pm

Posted in Fotografie

One Response

Subscribe to comments with RSS.

  1. Che bella photo!!

    renfang77

    13 September 2011 at 9:46 pm


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s