Filippo Venturi Photography | Blog

Documentary Photographer

Art is not what you see

with 5 comments

Art is not what you see, but what you make others see. (Edgar Degas)

Edgar Degas, Le viol (Lo stupro), 1868-69

Edgar Degas, Le viol (Lo stupro), 1868-69

Renè Magritte - Les Amants (Gli amanti), 1928

Renè Magritte - Les Amants (Gli amanti), 1928

“Gli amanti” o “Les amants” ( 1928, olio su tela, 54×73 cm, New York, Richard S.Zeisler Collection). In quest’opera è presente uno dei temi che ha caratterizzato, in questo periodo, la pittura di Magritte, ed in altre opere gli amanti ritornerano ma col volto scoperto o con i volti affiancati. Il dipinto ci mostra due persone che si baciano ed hanno i volti coperti da un panno bianco, un panno già visto nella “Storia Centrale”, opera considerata da David Sylvester piena di riferimenti al suicidio della madre, ma ipotizza anche che sia un invenzione dell’artista il volto coperto della madre morta, vista la sua ossessione nel coprire i volti. Questo tema è inserito nella questione del visibile e invisibile, su cui Magritte torna più volte e nel 1929 scrive in Le parole e le immagini : “Un oggetto può implicare che vi sono altri oggetti dietro di esso”. Il bacio fra i due amanti è un’ immagine che parla di morte e dell’impossibilità di comunicare, i due personaggi dietro il panno si scambiano un amore muto che conosce solo il linguaggio del corpo. Quest’opera è un richiamo all’opera di de Chirico: “Ettore e Andromaca”; due manichini che tentano un anlogo e impossibile abbraccio in un’atmosfera melodrammatica ed i manichini mantengono una certa distanza dallo spettatore, al contrario in Magritte non si può sfuggire dall’angoscia, non si tratta di un’umanità simulata ma negata nelle sue caratteristiche essenziali e mutilata della sua individualità. (tuttomagritte.altervista.org)

Written by filippo

4 February 2011 at 9:59 pm

Posted in Arte

5 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. il primo quadro non lo avevo mai visto, bello.
    in merito al secondo mi piace il commento che ne viene fatto, ma non capisco fino a che punto prenderlo per vero… se il commento non è stato fatto direttamente dall’autore, è solo una interpretazione, no?
    l’angoscia si avverte, ma il lenzuolo sul volto nell’atto del baciarsi… magari rappresenta l’incomunicabilità fisica, altrettanto fastidiosa quanto un amore “muto”

    vanessa

    6 February 2011 at 1:29 pm

  2. Vai nel sito della trasmissione “Che tempo che fa”, per la precisione a questo indirizzo:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-3c1d28e4-2131-475b-a7e1-879c0afa5d24-ctcf.html#p=0

    Poi clicca su “Flavio Caroli”, così ti fa scegliere solo fra gli spezzoni di trasmissione dove interviene lui…

    Poi scegli l’argomento o l’artista di cui vuoi vedere il video :D

    Secondo me ti piaceranno, nonostante la brevità, sono dei bei racconti della storia dell’arte!

    bfox

    6 February 2011 at 1:54 pm

    • me li sono visti tutti :)
      grazie!

      vanessa

      6 February 2011 at 10:10 pm

  3. Sapevo che l’avresti fatto! ;)

    bfox

    6 February 2011 at 11:51 pm

  4. Grazie! Mi piaceva molto!

    Eva

    24 February 2011 at 2:32 pm


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s