Filippo Venturi Photography | Blog

Portrait and Documentary Photographer

Roberto Scarpinato, l’uovo e la gallina in Italia

with 2 comments

Roberto Scarpinato (foto di Sara Sacilotto)

Roberto Scarpinato

(foto di Sara Sacilotto)

___

Ogni tanto mi capita ancora di ammirare qualche personaggio pubblico per intelligenza, cultura e principi…

“In genere si suole ripetere che ogni popolo ha la classe dirigente che si merita. Io non credo che sia così: ogni popolo è ciò che la sua classe dirigente lo fa essere perché la classe dirigente dirige anche la formazione dell’opinione pubblica, dell’etica collettiva, costruisce la memoria sociale, decide cosa deve essere dimenticato e cosa deve essere ricordato, offre gli esempi, i modelli. I Francesi dicono che i figli non si educano con le parole, ma con gli esempi e lo stesso, io credo, valga nel rapporto tra governanti e governati. Non si può pretendere dai governati un tasso di moralità superiore a quello dei governanti.”

“C’è un avvelenamento dei pozzi, un’istigazione all’odio sociale che depista il cittadino medio dalle reali cause del malessere sociale. Di volta in volta si offre a questa rabbia sociale, che nasce da condizioni di ingiustizia, il capro espiatorio oggi dell’impiegato pubblico fannullone, domani del professore meridionale, dopo domani dell’immigrato. Tutti che odiano tutti è un vecchio trucco del potere, è una guerra tra poveri, mentre nel frattempo c’è una classe dirigente sempre più autoreferenziale che sta commettendo un grave delitto: quello di rubare il futuro ai nostri figli.”

“Per dimostrare l’eternità di questa abitudine del potere di plasmare le coscienze in modo da assoggettare la psiche delle persone e depistarle, vi leggo quello che il conte De Maistre all’inizio dell’Ottocento scriveva: “Se la folla governata può credersi uguale al piccolo numero che governa, non c’è più governo. Il potere deve essere fuori della portata di comprensione della folla dei governati. L’autorità deve essere tenuta costantemente al di sopra del giudizio critico mediante gli strumenti psicologici della religione, del patriottismo, della tradizione, del pregiudizio. Non bisogna coltivare la ragione del popolo, ma i suoi sentimenti. Occorre dunque dirigerlo e formare il suo cuore, non la sua ragione”. Sembra scritta l’altro ieri.”

“Nel 1800 negli stati del Sud degli USA la legge vietava ai negri di imparare a leggere e scrivere. I negri hanno conquistato la loro libertà imparando a leggere la storia della Bibbia. Qualsiasi potere antidemocratico ha sempre temuto la cultura e ogni cultura vera, smascherando le imposture, è l’unica strada che si può percorrere per riconquistare la libertà individuale. Per questo in Italia dove un’esigua minoranza legge dei libri, dove pochi leggono i giornali, dove la cultura passa attraverso la televisione, io credo che una vera opposizione dovrebbe mettere al centro del suo impegno la conquista di quello che oggi è il nuovo Cardinale Mazzarino, la televisione di stato. Se non partiamo da lì non possiamo risollevarci. La TV di Stato dagli anni Cinquanta in poi ha fatto gli Italiani, ha insegnato a leggere e a scrivere e ha fatto conoscere la dialettica politica. La televisione oggi trasmette spazzatura, impostura. Senza una presa della Bastiglia, non c’è gara.”

Written by filippo

11 February 2010 at 6:00 pm

Posted in Attualità

2 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. tesoro hai dimenticato di scrivere l’articolo del conte De Maistre ,oppure hai fatto un miscuglio….non credo che il conte “vedesse il futuro dell’Italia dopo gli anni 50″….
    eppoi oggi televisione e giornali dicono le stesse identiche cose…meglio lasciarli perdere entrambi e cercare altrove ,non dimenticando mai il proprio BUONSENSO ♥ ☼

    Najma

    11 July 2010 at 6:18 pm

  2. ho corretto l’articolo :)

    bfox

    11 July 2010 at 9:36 pm


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s